MEDICINA ANTROPOSOFICA

Antroposofica

La medicina antroposofica nasce nel 1920 per opera del filosofo austriaco Rudolf Steiner, della dott.ssa olandese Ita Wegman e altri medici. La ricerca della causa della malattia nello stato spirituale e psichico del paziente diventa il cardine fondamentale di questa medicina.
Nei nostri animali sarà importante, al fine di valutare la causa della malattia, non solo il corpo fisico la psiche e lo spirito del soggetto, ma anche quelli della persona a cui è più legato, come il rapporto tra loro.

L’antroposofia riconosce che nel uomo e negli animali sono presenti oltre al corpo fisico, il corpo eterico che è il corpo della formazione e della funzione, l’energia vitale, il corpo astrale che è l’anima senziente, le emozioni e i sentimenti vivono qui, l’Io o anima razionale che sarebbe di pertinenza solo degli uomini. L.Io degli animali viene considerato come un Io di gruppo della specie animale.
Il giusto rapporto ed equilibrio tra questi permette la salute e la funzionalità del individuo.
Lo stile di vita, lo stato psichico, l’alimentazione del paziente vengono presi in considerazione nella ricerca della causa di malattia. Questa viene infatti vista come il segnale di un problema a carico della psiche o dello spirito oppure di un errato modo di vivere. Troppe emozioni o un emozione troppo forte che si imprima sugli organi nel tempo può divenire causa di malattia fisica.

Vengono utilizzati fitoterapici, preparati minerali, omeopatici e oragnoterapici per riportare l’equilibrio nei corpi e favorire la guarigione. Ovviamente viene dato ampio margine al lavoro sulla psiche e sullo spirito tramite l’arte terapia, l’euritmia e il lavoro sulla propria biografia.
Negli animali possiamo trovare un beneficio, oltre che con i medicinali antroposofici, anche tramite attivata di gioco, lavoro sul corpo e con il rafforzare la fiducia in se stessi e nel rapporto con la propria persona.

© Copyright 2017 Barbara Sacchi Medico Veterinario